DI-UMONS : Dépôt institutionnel de l’université de Mons

Recherche transversale
Rechercher
(titres de publication, de périodique et noms de colloque inclus)
2013-12-10 - Article/Dans un journal avec peer-review - Italien - 15 page(s)

Rimini Thea , "« Senilità » tra « fin de siècle » e anni Venti" in Studi Novecenteschi, 2, 267-282

  • Edition : Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Pisa (Italy)
  • Codes CREF : Langues et littérature italiennes (DI5366), Cinéma (DI5234)
Texte intégral :

Abstract(s) :

(Italien) Nel passaggio dal romanzo di Svevo all’omonimo film girato da Mauro Bolognini nel 1962 si registrano, tra fedeltà e innovazioni, tre punti fondamentali riguardanti lo spazio, il tempo e il finale. Massima è l’adesione al testo originario nella ricostruzione filmica dei luoghi e delle atmosfere disadorne e desolate della Trieste sveviana. Dal romanzo ci si allontana invece quanto alla collocazione cronologica: da quella originaria, considerata dal regista irrilevante, si passa agli anni Venti del ’900, forse, si ipotizza nel saggio, anche per demistificare l’epoca fascista con la sua retorica di sanità, giovinezza e forza fisica. Da ultimo, il regista introduce nel finale una sequenza in cui il protagonista viene umiliato da un amante di Angiolina. Non un mutamento del significato, ma una sorta di esplicitazione e di esigenza di ‘finito’ che nel romanzo non c’era.

Identifiants :
  • DOI : 10.1400/213755